Pages

martedì 31 marzo 2009

Anatre e Gormiti

Che domenica, ragazzi! Ho ancora le braccia doloranti...ma partiamo dal principio.
Domenica mattina ero in cucina con la mia perenne tazza di tè e stavo cercando di non cazzeggiare e di lavorare sulla tesi. Ad un certo punto mio padre mi dice che abbiamo 2 anatre sul tetto del garage. Spiego anzitutto che non vivo in campagna (anche se il mio vicino ha avuto galli e galline per un bel po', con mio sommo orrore visto che i galli non cantano solo la mattina, ma a tutte le stramaledette ore), ma vivo a Torino città. Sono però vicino al Po ed era da lì che questa coppia di anatre germani, maschio e femmina, avendo deciso di fare una escursione domenicale sotto la pioggia, era arrivata. Potete immaginare la mia trasfigurazione, mi sono precipitata a prendere del pane e ho cominciato a lanciarglielo sul tetto del garage...che belle...mangiavano e poi si lavavano nelle pozzanghere. Poi hanno deciso che, siccome avevo smesso di dare loro da mangiare perché non mi sembrava il caso di accogliere 2 anatre come animali domestici, potevano andare nel cortile del vicino.
E' bello avere ancora qualche contatto con gli animali...soprattutto se a cercarlo sono proprio loro.


La seconda parte della giornata (e la terza e la quarta...) è invece stata infestata da bambini saltimbanco, attentatori alla propria vita, amanti dei Gormiti, dinosauri, draghi e coccodrilli. Alias i miei nipotini in tutta la loro forma. Sono stupendi, lui, 3 anni e mezzi e lei 1 e mezzo. E ammetto anche che mi adorano, come io adoro loro.
Peccato che abbia autorità zero e che mi mettano i piedi in testa come vogliono. Solo a mezzanotte sono riuscita a farli addormentare e con molto, molta fatica (le braccia doloranti sono dovute infatti ai vari tentativi a vuoto di far addormentare la piccola).
Però diciamolo, stupiscono sempre i bambini.
Mio nipote, verso le 23 e passa, vendendomi un po' accigliata perché nonostante li sgridassi, continuavano a saltare su divano e salire su tavolini e sedie, mi si avvicina e mi dice:
"Mi spiace se ti ho fatto arrabbiare. Non lo farò più".
Ed io: "Non ti credo, sai".
E lui: "Ma è un modo di dire!".
Dopo una frase così che si può fare? E' solamente geniale!!!

5 commenti:

Chiara ha detto...

Geniale davvero!
E ha anche un po' ragione...

Anche il vicino qui in ufficio ha le galline...che scorrazzano liberamente ovunque, anche in mezzo alla strada facendo la chicane tra i camion ...
E le ha anche il mio moroso, ma in campagna.

vetsera ha detto...

Pensa che ho un ramo della famiglia che vive in campagna, in provincia di Asti e una volta che son venuti a trovarci quando il mio vicino aveva ancora i galli, erano tutti goduti e dicevano che era bello sentire certi suoni in città...io ero proprio dello stesso parere, ma so di essere peggio che Grinch a Natale!;)

MagicamenteMe ha detto...

I bambini di oggi sono inquietanti!
Le nostre generazioni non erano mica così

^___^
MagicamenteMe

nuvolette ha detto...

:-D tuo nipote promette benissimo: è un piccolo genio criminale!!! :-D

vetsera ha detto...

@MagicamenteMe: concordo totalmente!

@Nuvolette: lo so...non ti rendi conto di quanto capiscano e di quanto siano svegli...e delinquenti!!!