Pages

venerdì 28 novembre 2008

Jane, Arthur e la nevebis

Diciamolo subito...un'altra nevicata...più bella ancora della precedente...uffa, vorrei avere qualcuno attorno per fare una battaglia di palle di neve prima che si imbruttisca e si sporchi...ma tant'è!
Devo aggiornare le letture terminate.


Ho finito Jane Eyre. Tecnicamente è la seconda lettura. La prima risale, ahimè, a 12 anni fa. Ma la peculiarità stavolta è che l'ho letto in inglese. Avevo comprato il libro qualche estate fa, ma non avevo mai accennato a leggerlo. La prima lettura era stata su un libro della biblioteca, quindi questa è la mia vera copia... Ho ritrovato tutto e molto di più. Per me Jane rimane un modello, soprattutto di pensiero, di razionalità...in lei ci sono fortissime passioni, ma sempre la voglia di comprenderle e di agire per il meglio. Non si fa mai sopraffare, neanche nelle situazione peggiori e più assurde. Sembra più moderna dei suoi tempi, in realtà anche dei nostri. E' un simbolo di libertà...che nel caso delle donne non è mai ovvia.


Ho poi letto Doppio Sogno e mi sono posta la domanda: perché non leggo di più Schnitzler? Il libro è interessante soprattutto perché parla, senza darlo molto a vedere, in maniera disarmante, della coppia. I meccanismi, gli allontanamenti, le vane promesse che ci si fa e si fanno...
Su tutto due frasi:
"Ah, se sapeste!"e "Non si può ipotecare il futuro". Da leggere!!!

3 commenti:

[Daniele&Martina] ha detto...

[ti ho seguita da anobii a qui;P
Ribadisco che quel libro lo leggerò quanto prima, mi hai proprio incuriosita, e ora mi faccio un giretto su questo blog..
miaooo]

Chiara ha detto...

Se fossimo + vicine, verrei io a giocare nella neve come da bimbetta!!
(anche qua tutto bianco)

vetsera ha detto...

@[Daniele&Martina]grazie pe la visita!!! Sbircerò anch'io il tuo blog.

@ Chiara...ma hai presente come ci divertiremmo!!!