Pages

mercoledì 29 aprile 2009

Le lacrime di Nietzsche

Per raccontare la mia lettura di questo romanzo devo prima cominciare con un fatto personale. Questo è uno dei libri fortemente amati dall'Amore mio, il quale volle regalarmelo qualche anno fa. Dal mio punto di vista regalare un libro è un fatto bellissimo e non leggerlo un torto che fai alla persona che te lo regala, in particolare se lo fa con tanto entusiasmo. Eppure non riuscii a finirlo. Non so se non era il periodo. Ammetto che fino ad un annetto fa non leggevo tantissimo, stavo vivendo un periodo di magra.
Quest'anno ho inserito il libro in ben 2 sfide, dicendomi, così sarà mio!!!
E l'Amore mio aveva ragione, non diciamolo troppo forte, perché Le lacrime di Nietzsche di Irvin D. Yalom è un libro strano e bellissimo.
Strano perché immagina un incontro mai avvenuto tra due studiosi importantissimi nella cultura degli ultimi secoli e bellissimo perché ti colpisce da diversi fronti: da una parte sei catturato dalle vicende personali dei protagonisti, dall'altro sei colpito dalla profondità delle riflessioni, psicologiche e filosofiche, sulle quali non si può non fare un po' di "autoanalisi".
E mi sono accorta che mi ricordo ben poco degli studi di filosofia del liceo, per quanto Nietzsche mi fosse piaciuto...adesso non resta che rileggerlo!

P.S. L'edizione dell'Amore mio si intitolava E Nietzsche pianse, più bella e adatta traduzione del titolo originale When Nietzsche wept.

4 commenti:

katiu ha detto...

Sono anche io dell'idea che regalare un libro sia una cosa bellissima, se non addirittura che sia come regalare una parte della propria anima che si è emozionata per certe letture.
E credo che leggere un libro donato sia come scoprire parti nascoste della persona che ci ha fatto questo regalo.

Detto questo, non conosco purtroppo Nietzsche, non ho studiato filosofia a scuola .. pecco un po' sotto questo aspetto :)

PS se dovessi leggere i libri preferiti del mio moroso, sarebbero storie di draghi, gnomi, elfi, guerrieri e maghi ^__^

vetsera ha detto...

@: Beh, niente male i gusti del tuo moroso...a me il fantasy piace molto! Io e il mio ragazzo abbiamo gusti piuttosto diversi, ma qualche libro ce lo stiamo passando, sotto mio consiglio ha letto Hornby e adesso è un suo accanito lettore, mentre lui mi vuole spingere più in alto e mi ha regalato Mattatoio n.5...

[Daniele&Martina] ha detto...

[d'accordissimo con te e katiu!! Un libro è un regalo speciale... esattamente un pezzetto di chi lo regala e la voglia di condividerlo.
Si si.. peccato che ad oggi siano sempre meno le persone che se ne rendono conto..

Alla fine comunque l'hai letto no?! ;) Direi che questo è l'importante... magari in quel momento non era il periodo giusto.. adesso si.. :D

Ps ormai il mio ragazzo non me li regala, me li presta... così non avremo doppioni nella nostra grande libreria comune... :D

Un abbraccio.. buona giornata]

vetsera ha detto...

@[Daniele&Martina]: ma non sai quanto è possessivo dei suoi libri l'Amore mio...no scherzo, per esempio i libri di Hornby ce li ho in inglese, mentre lui se li è presi in italiano. Mi sa che presto faremo come voi, nella kasina lo spazio è già poco...